martedì 17 gennaio 2012

Auto pirata corso Peschiera: trovato l'assassino

Vi ricorderete tutti di quel tragico..incidente? No, non si può chiamare incidente, lo si deve chiamare per quel che realmente è: ASSASSINIO. Dicevo, vi ricorderete sicuramente di quell'assassinio avvenuto a Torino ai primi di dicembre in corso Peschiera, dove morì un bimbo di 7 anni (il padre è ancora ferito in gravi condizioni, la madre sta bene) mentre stava attraversando la strada sulle strisce pedonali assieme ai genitori, dopo che un'automobilista si era fermato gentilmente per farli passare..peccato che nell'altra corsia, piombò un'auto che li travolse incurante sia dell'auto ferma, sia delle strisce pedonali, sia del limite di velocità dei 50km/h (che poi, se un'auto ti colpisce a quella "bassa" velocità, ti uccide lo stesso!).

Finalmente i vigili e la polizia sono riusciti a scoprire chi era alla guida e anche chi sedeva nel sedile del passeggero. Non si tratta di due zingari, neanche di due romeni, ma di due ragazzi valdostani di 34 e 26 anni (in realtà il primo è di origini sarde e il secondo campane), già noti per piccoli precedenti penali.

Amici ciclisti e amici pedoni, se qualche automobilista vi sorpassa facendovi la "rasetta" a folle velocità, se vi taglia la strada o se vi clacsona perchè con voi davanti non può sgasare ai mille all'ora (cosa che comunque non potrebbe fare, visto che in città il limite massimo di velocità è dei 50km/h, con alcune zone in cui cala ai 30km/h), siete autorizzati a dirgli: VAFFANCULO STRONZO ASSASSINO!

Nessun commento:

Posta un commento