mercoledì 29 giugno 2016

Eliski Valle Argentera: qui casca l'asino!

CONDANNATE DUE GUIDE ALPINE PER ELISKI MORTALE IN VAL ARGENTERA

Anche se è passato qualche tempo ne parlo (solo) ora perchè ho trovato due articoli a riguardo, uno cartaceo su La Stampa di metà aprile 2016, e uno online linkato poco sotto.

Il proprietario di una società di escursioni, chiamiamole così, sciistiche realizzate utilizzando un elicottero, assieme ad una guida alpina suo collaboratore, è stato condannato a metà maggio 2016 per la morte di un cliente danese, morte avvenuta, come da titolo, nella Valle Argentera che, per chi non lo sapesse, è una valle secondaria dell'Alta Valle di Susa.

La società, tramite ovviamente il suo avvocato, ha provato a difendersi affermando che:

1 il meteo era ottimo
2 prima della partenza ci fu un briefing
3 il cliente era ottimamente attrezzato (oltre all'Arva era munito anche di airbag!)
4 il cliente in caso di incertezze poteva fermarsi e chiamare l'elicottero

Questo è quanto ho letto sul trafiletto del giornale cittadino.

E ho subito pensato: manca una quinta cosa, ovvero il menzionare il grado di esperienza di questo giovane turista e sciatore danese, ragazzo proveniente quindi da un territorio privo di montagne..

Nel secondo articolo (linkato sopra) ho invece trovato quello che volevo sapere:
il cliente era inesperto.

"
Secondo la procura di Torino, infatti, visto che lo sciatore danese era poco più che un principante e di fatto non sapeva sciare".

Ora, tu ad un cliente danaroso e voglioso puoi dargli tutte le informazioni e attrezzature che vuoi, ma se è inesperto non puoi portarlo a fare discese pericolose a 3.000 metri!

Un po' come se io prendessi la prima "casalinga di Voghera" che usa la bici solo per andare a prendere il pane dietro l'angolo e la portassi a salire e poi a scendere dallo Stelvio o anche solo dal Colle Braida.

Ovvio che verrei condannato: è totalmente inesperta e anche se desidera provare nuove strade e discese, io devo pensare prima di tutto alla sicurezza e soltanto dopo ai suoi soldi!

giovedì 16 giugno 2016

Semafori Intelligenti per le bici a Copenaghen

Interessantissimo articolo de La Stampa di qualche settimana fa sui semafori intelligenti che creano vere e proprie sciee verdi per le bici nelle piste ciclabili!
Il bello è che i ciclisti risparmiano tempo, ma gli automobilisti ne perdono pochissimo (si parla di secondi)!

Fonte: La Stampa

sabato 28 maggio 2016

Grande NIBALI ma..

Grande Nibali che ha compiuto una rimonta spettacolare oggi pomeriggio nella tappa più dura: 4 salitazze per 4.100 metri di dislivello!!!

Staccato alla grande Chaves, ma la sua è stata una vera impresa?
Alla fine non ci sono stati avversari di grande livello, infatti Valverde è del 1980, mentre Chaves (che non ha mai partecipato al Tour de France) s'è quasi piantato sul più bello, mentre un vero campione avrebbe continuato ad insistere per tenersi la Maglia Rosa..

Nibali torna a VINCERE!

Giro d'Italia 2016, 27 Maggio 2016: NIBALI TORNA A VINCERE

Finalmente una buona prova per lo "Squalo dello Stretto" in queste due salite sulle Alpi del Nord-Ovest, tra cui quella famosa del Colle dell'Agnello dove c'era ancora tantissima neve.
Il merito della sua vittoria, però, va dato secondo me a Michele Scarponi, il suo super e fidato gregario che s'è fermato per aspettarlo, dopo essere passato per prima dalla Cima Coppi di questo Giro (il colle suddetto), ma anche alla rovinosa caduta dell'ex maglia rosa che non ha saputo guidare bene il mezzo in discesa, andando a sbattere contro un muro di neve che lo ha fatto completamente sbalzare dalla sella facendogli fare il giro (per fortuna il casco è obbligatorio, se no si sarebbe sicuramente aperto il cranio!!!)!

Oggi, sabato 28 Maggio 2016, ci sarà la prova del 9, vedremo cioè se davvero Nibali è tornato in forma e se potrà superare Chaves, ora primo. Oggi ben 4 salite e 3 discese, con arrivo a Sant'Anna di Vinadio, per la prima volta nella storia del Giro d'Italia.

Domani, invece, arrivo da Torino con giri a ripetizione nel famosissimo Parco del Valentino!

domenica 17 gennaio 2016

Un saluto allo STARMAN!

E' da tanto che non scrivo qui e volevo approfittare di questo mio spazio privato e al contempo pubblico, per salutare il mio amico David Bowie che purtroppo ha sofferto per un anno e mezzo prima di morire!

L'avevo conosciuto da piccolo attraverso il fantastico film Labyrinth, poi ogni tanto sentivo qualcosa di suo come Heroes e Rebel-Rebel in tv. Da ragazzino l'ho riscoperto col fantastico album Earthling, in stile Prodigy!, e qualche anno dopo ho iniziato a scaricare tutti gli mp3 che trovavo, comprese canzoni non famose, attirato solo dal titolo o dalla irrefrenabile voglia di saperne di più su di lui!

Il suo cambio di stile di album in album mi ha sempre sia spiazzato che entusiasmato, perché se mi piacevano le novità, non riuscivo a capire che persona fosse e ciò mi turbava, ma allo stesso tempo mi intrigava proprio perché non riuscivo a decifrarlo e volevo sarpene di più.

Mi piaceva troppo la sua voce un po' "metallica", tremolante, allo stesso tempo angelica con quegli acuti che mi facevano davvero entrare in un'altra dimensione dove si vive solo di emozioni sotto forma di chissà che cosa.. Difficile da spiegare!

DOWN IN SPACE IT'S ALWAYS 1982
..
HOW I WONDER WHERE YOU ARE..

domenica 29 novembre 2015

Soccorso Alpino 2016

Attenzione a non farvi leggermente male nei sentieri chiamando il soccorso alpino, infatti dal 2016 per ferite di lieve entità si dovrà pagare per questo intervento, arrivando a sganciare anche iperboliche cifre:


lunedì 2 novembre 2015

BIKE PRIDE COLOMBIA

Chi l'avrebbe mai detto?

200 ciclisti nel marzo 2013 si ritrovarono per pedalare tutti insieme di notte..

GUARDATE QUA!

mercoledì 28 ottobre 2015

MONTE SAN GIORGIO.. ALPINISMO? :P


Il Monte San Giorgio di Piossasco lo conosco abbastanza bene, la prima volta che mi ci son recato fu nel gennaio 2007, quando un amico mi fece scoprire il bellissimo sentiero delle lame.
Qualche mese dopo ci andai due volte quasi di fila con altri due miei amici, facendo una volta di nuovo questo sentiero, mentre la volta dopo quello chiamato semplicemente direttissima, che in quanto tale, ovvero diretto, è più difficile (molto stretto ma soprattutto pendente e con gradoni non indiffirenti, per cui scendete pure dalla sella!).

L'anno scorso, a novembre, optai per un giro a piedi molto easy col mio cane, ovvero il giro intorno a San Valeriano (il monticciolo di fianco al S.G.): pur essendo corto (ma ho visto su OpenCycleMap che c'è un altro anello più ampio) è molto simpatico, magari uno in MTB (da XC, non serve la bici da discesa) giusto per allenarsi può farlo più e più volte di fila.


Poi sulla cima del San Giorgio ci son salito altre volte sia da solo correndo a piedi che sempre col mio amato cane.. lo scorso giugno salendo dalla strada carrozzabile, ovviamente correndo eheh, mentre l'altro giorno ho optato per un'altra via, ovvero la Super direttissima che, nonostante parta dolcemente, si rivela essere il sentiero più tosto della zona se non oltre, io uno così ripido non l'ho mai affrontato, perché poi non è solo ripido, è pure stretto e presenta un terreno leggermente friabile.
All'inizio la traccia è ben visibile, poi si perde un po' ma i segni rossi sulle rocce compaiono sempre nei posti giusti. Pensate che è così ripido che verso la fine c'è addirittura una fune!
Inutile dire che il mio cane Henry non solo mi è stato sempre davanti, ma saltellava da un gradino naturale all'altro, saltava i tronchi caduti, ecc., eheh, che spettacolo!

Ciao Henry ti amo!

venerdì 7 agosto 2015

Temperature altissime mai viste prima a TORINO

Oggi temperatura massima record a Torino: 39°!!!

Grazie a IlMeteo.it è possibile andare indietro nel tempo e vedere le temperature massime (ma non solo), ad esempio, delle passate estati in qualsiasi città italiana.

Consideriamo solo Torino:

la famosa calda estate del 2003, ebbe il picco di caldo nel giorno 11 agosto con soli 37.1°, mentre la più bassa temperatura minima (di notte) ci fu il 30 agosto con 13.4°. A luglio invece non si arrivò mai a 35°..

Nel luglio 1997, invece, il 35° non vennero neppure sfiorati lontanamente, il record infatti fu di appena 30.6° in data 26 luglio e di 31.4° il 15 agosto!

Vediamo le ultime 4 estati, senza contare questa..

2011: a luglio ben 16 giorni di pioggia, temp. max 30° (5, 11, 12 luglio); ad agosto max 35° (solo il 23, e soltanto nei due giorni precedenti si toccò quota 34°)
2012: a luglio 11 giorni di pioggia, temp. max 33° (25, 26 e 27 luglio); ad agosto 12 giorni di pioggia e temp. max 35° nei giorni 21 e 22 e di 34° nei due giorni precedenti il 21. Prima e dopo diversi giorni ben sotto i 30° (14 gg., per la precisione).
2013: a luglio furono ben 15 i giorni di pioggia e la temp. max fu di 32° (27 luglio; ben 14 i giorni sotto i 30°); ad agosto 11 giorni di pioggia e temp. sopra i 30° soltanto in 6 occasioni (dall'1 al 6 ago.). Il 7 agosto 2013 c'erano soltanto 27 gradi!
2014: luglio record con i suoi 18 giorni di precipitazioni! Temp. max. 31°, avuta soltanto in 3 occasioni; ad agosto 13 giorni di pioggia e, udite-udite, non c'è mai stato un solo giorno con 30°, bensì sempre sotto! Il giorno 7 dell'anno scorso, ad es., c'erano infatti 28°, il 13 soltanto 24°, il 15 25°, il 26 soltanto 21°!!

BEI TEMPI!




domenica 12 luglio 2015

BICI D'ESTATE: COME PROTEGGERSI DAL SOLE

Oggi, domenica 12 luglio 2015, è morto un ciclista (amatore) durante la corsa Gran Fondo Fausto Coppi partita da Cuneo. Aveva 41 anni ed era giunto ad oltre metà del percorso.

Indipendentemente dalle cause che possono portare all'infarto e dai suoi eventuali problemi cardiovascolari, durante un'estate caldissima come questa, dove la temperatura percepita tocca i 40° e dove il vento è quasi totalmente assente, bisogna assolutamente stare attenti, per cui, se andiamo a pedalare:

EVITIAMO DI DARE IL MASSIMO, anche se il nostro precedente allenamento ce lo consentirebbe

EVITIAMO DUNQUE DI GAREGGIARE, tanto non siamo professionisti per cui perché rischiare per un sorpasso inutile?

EVITIAMO DI USCIRE NELLE ORE PIU' CALDE, ad esempio dalle 12 alle 17 (aggiornamento 16 luglio 2015: ora fa davvero caldo, è un inferno, con le lamiere delle auto e l'asfalto che moltiplica a non finire il calore del sole.. il mio consiglio ora come ora è quello di uscire soltanto dalle 6 alle 8 massimo 9, poi la cosa dipende anche dove uno è, se in un bosco, in montagna o se in città e su asfalto, ma indicativamente fate davvero attenzione!!!)

PEDALIAMO AL MATTINO PRESTO ANZICHE' NEL TARDO POMERIGGIO (come sopra!)


COPRIAMOCI LA TESTA SIA COL CASCHETTO CHE CON UNA BANDANA, senza di questa, infatti, veniamo colpiti dai raggi solari per cui un "colpo di sole" è sempre dietro l'angolo!

USIAMO SEMPRE IL CASCO, per il motivo di prima (eventuale "colpo di sole" che ci stende a terra!)

SPALMIAMOCI SEMPRE LA CREMA SOLARE, io uso la massimo, a me dell'abbronzatura frega nulla, io ci tengo alla mia saluta! E usiamola per tutto il corpo, anche per le zone, ad esempio il petto, coperte dalla maglietta.

METTIAMO 2 BORRACCE SUL TELAIO E IL CAMELBACK NELLO ZAINETTO, perché se durante le stagioni meno calde si deve sempre bere, figuratevi ora. Usate l'acqua non solo per bere ma anche per rinfrescare il corpo, bagnatevi la testa, le braccia e le gambe, specialmente i polpacci.

BEVIAMO ANCHE INTEGRATORI SALINI E ASSUMIAMO LE VARIE BARRETTE ENERGETICHE

CONTROLLIAMO IL METEO, oggi ad esempio ho scoperto che fino al 22 luglio la temperatura non dovrebbe abbassarsi (e controlliamo anche se son previsti dei pericolosi temporali pomeridiani in montagna).

In questi giorni vedo diverse persone correre in pieno giorno, tra l'altro con magliette normali, per nulla tecniche, senza cappellino e senza borraccia. Questa è PURA PAZZIA. NON FATELO MAI! Martedì 14 luglio 2015 ho visto una signora corricchiare lungo una strada di fianco ad un parco (ma di fianco, non dentro!) sotto il sole cocente delle 12:55 senza alcun cappellino.. ripeto, questa è PAZZIA TOTALE!