venerdì 15 giugno 2012

La mia lettera a Specchio dei Tempi: Le città sono pericolose per le bici


"Le attuali strade e città, specie del Sud Europa, sono state create a misura d'auto, non di bici, infatti soltanto negli ultimi anni è stata estesa la rete di piste ciclabili che in molti casi serve più che altro a togliere le bici dalle strade per far viaggiare meglio le auto, anzichè il contrario. 
Io uso sempre la bici e vorrei che tutti rispettassero le regole, ma viste certe piste, certe strade e il traffico motorizzato, non mi stupisco nel vedere ciclisti sui marciapiedi. Chi si lamenta dei ciclisti dovrebbe rammendare una cosa: un ciclista se infrange le regole non ammazza nessuno, un automobilista sì.
Fuori città è la stessa cosa: volendo fare un viaggio cicloturistico per l'Italia, prima farei bene a stipulare una polizza vita."
Firma

Nessun commento:

Posta un commento