mercoledì 1 agosto 2012

Dove correre a piedi a Torino?

In montagna in questo periodo si sta bene, le temperature non superano i 25 gradi, però c'è ressa, per cui io preferisco allenarmi nei dintorni della città e godermi le vette a settembre quando sarà finito "Occupy the Alps".

Ho sentito, nelle ultime salite, una mancanza di potenza, salivo ma quando volevo spingere un po' nei limiti delle possibilità di una persona normalissima come me, mi mancava lo spunto, come si suol dire, per cui ho deciso di tornare a correre a piedi per usare totalmente i muscoli delle gambe dall'inizio alla fine della corsa.
A metà aprile dovetti smettere di correre per via di un fastidio al ginocchio sinistro che, per fortuna, ora m'è passato senza fare nulla (qualche massaggino e basta, oltre ovviamente ad una sana dose di stratching giornaliera), mentre per il fastidio alla schiena di fine giugno, che m'è passato in un giorno, mi son studiato 2 posizioni di stretching per la zona lombare. Questo per la cronaca personale di cui non fregherà niente a nessuno, ma il blog alla fine è anche un diario personale, non solo un "mezzo di comunicazione di massa".

Dicevo della corsa..
nonostante abbia 3 bei parchi dietro casa più un altro nei paraggi (da raggiungere però in auto o in bici, sempre che ci sia un posto sicuro dove lasciarla, ma no, non c'è), mi sono presto stufato di girare sempre nello stesso posto, non perchè sia brutto, anzi, questi parchi e giardini sono ben tenuti e ognuno di essi ha delle particolarità, però sento sempre la necessità di provare nuove vie.
Per cui ripensando a certi giri notturni in bici e a zone che comunque conosco, ho deciso di aprire Google Maps e tirare le linee di alcuni itinerari urbani.
Ieri ho percorso quello relativo alla zona Crocetta. Si parte da una zona abbastanza trafficata come Largo Orbassano, poi ci si addentra per un oscuro ma non troppo corso De Gasperi (forse ci sono 2 ristoranti aperti, ma la via, per la gioia dei nostri occhi, non è illuminata a giorno. Ah, non ci sono nè bar, nè pub, nè altro, quindi tutto super tranquillo, al massimo ci saranno alcove per escort di lusso, ma purtroppo non ho sentito i loro mugolii, ahah), per poi entrare nel vero quartiere Crocetta, quello delle ville storiche dei miliardari, in cui alcuni "anfratti" sono al buio, così come la parte che si affaccia su corso Galileo Ferraris, e ciò fa sì che aumenti la magia. Al momento corro per un massimo di 5 km, il mio piccolo sogno è quello di raggiungere i 10 per fare la "Tutta Dritta", ma soprattutto sentire le gambe piene di potenza da sprigionare in salita.
Ok, continuo il post dopo alcuni giorni.. ora ho completato 3 giri: il primo da 4,5, il secondo da 5, il terzo da 7km. Tutti a corsa lenta. Nei prossimi giorni proverò degli scatti e poi proverò i 10 km. Eseguiti, non incrementerò la lunghezza del percorso, ma cercherò di migliorare il tempo, mano a mano che per i muscoli questa attività diventa quasi naturale. Ah, come per la bici, prima di correre ci va del riscaldamento e alla fine del defaticamento, mi raccomando!

PS: incredibile la differenza che c'è fra il fare 80-100 km in bici, comprensivi di alcune salite, e anche solo 5 a piedi (di corsa)! Non che prima non avessi mai corso o che facessi 30 km, però solo ora me ne rendo conto e mi va di scrivere di questo mio stupore!

Nessun commento:

Posta un commento