venerdì 16 dicembre 2011

Lettera al sindaco di Beinasco per le mancate segnalazioni di lavori in corso sulle piste ciclabili di Borgaretto

Ho appena inviato questa lettera all'ufficio del sindaco di Beinasco:

"Salve,

sono un ragazzo di Torino che oggi ha utilizzato parte delle piste ciclabili del vostro comune e vi scrivo proprio in merito a queste:

1 - In Strada Borgaretto, andando verso Beinasco, poco prima della sopraelevata che supera l'autostrada, non c'è più l'ingresso della pista ciclabile storica. Purtroppo chi, come me oggi, proviene da Beinasco giunge lì senza alcun avviso.
Qui il punto preciso:
http://maps.google.it/maps?q=borgaretto,+torino&hl=it&ll=45.012473,7.590222&spn=0.00204,0.003449&sll=41.442726,12.392578&sspn=17.70662,28.256836&vpsrc=6&hnear=Borgaretto,+Beinasco+Torino,+Piemonte&t=k&z=18

2 - Uscendo da Borgaretto per entrare in Torino, il nuovissimo tratto di pista ciclabile che passa in un sottopassaggio dove c'è la rotonda dell'ingresso e uscita dalla tangenziale, non è transitabile, ma anche qui l'avviso compare all'ultimo momento, che senso ha???
Come se non bastasse, dopo aver ripreso la pista (dopo aver spinto la bici a mano in un tratto sterrato in leggera salita - immagino siano contenti gli impiegati -), anche sul ponte il tratto ciclopedonale è bloccato e anche qui ovviamente il cartello dei lavori in corso (in corso? Speriamo, visto che solo ora dopo mesi, mesi e ancora mesi, ho visto operai lungo il Sangone nel tratto di pista ciclabile franata..) compare solo all'ultimo. Basta proprio niente per avvisare PRIMA che non si può percorre quel tratto, dato che il mancato avviso ha come conseguenza delle pericolose manovre: il ciclista o torna indietro e compie il periplo di quella larga e trafficata rotonda, o tenta di attraversare le 6 corsie di quel tratto dove le auto passano veloci.
Qua si tratta solo di COMUNICARE la presenza di lavori e l'impossibilità di attraversare tratti da sempre percorsi con estrema facilità dai ciclisti e pedoni. Oggi mi sembrava di essere in Albania o Bulgaria o Romania. Non che non abbia mai visto di peggio, fra incuranza, immondizia e maleducazione imperante, però cerco sempre di essere ottimista anche se la realtà è sempre pronta ad abbattermi.
Qui la zona di questi ultimi 2 tratti incriminati:
http://maps.google.it/maps?q=borgaretto,+torino&hl=it&ll=45.007099,7.617471&spn=0.00102,0.001725&sll=41.442726,12.392578&sspn=17.70662,28.256836&vpsrc=6&hnear=Borgaretto,+Beinasco+Torino,+Piemonte&t=k&z=19

Grazie della vostra cortese attenzione".

Nessun commento:

Posta un commento