sabato 16 agosto 2014

Sentieri Sacra San Michele (Torino)

Ieri sono salito a piedi alla Sacra di San Michele tramite il sentiero principale che sale da Chiusa San Michele. Lo si trova dietro la chiesa presente in via Roma, non potete sbagliarvi! E' una mulattiera in pietra abbastanza larga, tranne in certi punti limitati dove le pietre diventano aguzze oppure dove finalmente si trova un po' di terra. Non si vede mai la luce, questa compare solo quando spuntiamo nel curvone per salire poi alla Sacra, ed è affascinante per questo. Tra l'altro questo sentiero viene usato dai corridori della Mezzo Vertical Brooks.

 
Come potete vedere, per chi non lo sapesse, si può salire a Basinatto, piccola frazione composta da alcune villette, da cui parte un bel sentiero (per prenderlo bisogna seguire una stradina asfaltata che scende all'altezza di un curvone dove son presenti dei cassoni dell'immondizia e più avanti una stele in onore dei partigiani uccisi proprio in zona 70 anni fa..). Terminata la prima brevissima parte, si svolta a destra per poi reimmergersi nel bosco a sinistra. Già ora è presente tanto fogliame e rami vari, così ho deciso di tornare alla Sacra e rifare interamente il percorso dell'andata. Per le foglie c'è tempo in autunno, o no??? eheh Comunque lo feci anni fa e risultò essere divertente, ora è da capire se la traccia è ancora ben visibile. Ah, ho fatto una piccola escursione fuori traccia e si potrebbero aprire nuovi sentierini..
Il sentiero che invece parte da Bennale per giungere sempre a Chiusa S. M. non lo conosco, ma si capisce dalla mappa (non presente qui sopra, ma basta entrare in OpenCycleMap) come sia possibile fare un giro ad anello passando per il Colle Braida (da cui come ben saprete si può arrivare al Col Bione, ma per giungerci preferisco salire da Coazze attraverso il Bosco Ugo Campagna).

Secondo me questa mulattiera che scende dalla Sacra è fattibile con una biga da XC biammortizzata, mentre a piedi sconsiglio le scarpe da trail running così come gli scarponi da montana perché c'è bisogno di maggiore sensibilità per non rischiare di mettere il piede tra una pietra e l'altra.

Nessun commento:

Posta un commento