martedì 20 giugno 2017

Cosa portare nelle escursioni in natura

Quando vado in giro per i monti, trovo persone super attrezzate, ed altre completamente impreparate.

Ecco i miei consigli su cosa portarsi dietro durante le escursioni in montagna, collina o comunque in posti naturali.

Ipotizzando che l'escursione ha luogo nella bella stagione, io mi porto dietro queste cose:

zaino tecnico con imbragatura per non far muovere e sbattere lo zaino sulla schiena (per chi invece fa discesa in MTB, c'è questo fantastico zaino con una chiusura innovativa), che presenti due piccole tasche laterali dove mettere ad esempio le chiavi di casa e dell'automobile;

sacca idrica, più uno/due succhi di frutta nelle confezioni di plastica morbida e due/tre borracce (il cui tappo lo uso per farci bere il mio cane, oppure per il cane potete comprare un apposito bicchierino, ma se non avete un cane vi consiglio comunque di portarla perchè l'acqua, nella sacca idrica/camelback, ha un sapore che non mi piace!);

cartina dei sentieri, ovviamente da visionare almeno 2 giorni prima, anche online tramite OpenCycleMap;

telefonino con mappa con sentieri;

numeri di emergenza sempre pronti, ad esempio il 1515 (Forestale);

bastoncini da trekking o anche solo un ramo ben solido e della giusta altezza;

fischietto, utile se dovete farvi trovare da qualcuno;

una vaschetta con del cibo e una banana (attenzione che non diventi poltiglia, quindi posizionate il cibo in alto), oppure frutta secca;

mantellina/kway antivento e antipioggia;

scarpe da trail-running se prediligete la leggerezza e la velocità, o scarponcini da trekking, entrambi con una suola apposita per l'uscita del giorno: suole morbide per terreni duri e suole dure per terreni fangosi;

guantini da MTB DH nel caso si andasse ad affrontare un sentiero particolarmente ostile e ripido dov'è necessario usare le mani sulle rocce (pesano pochissimo, sono sottili e possono sempre tornare utili);

cappellino leggero (ci sono quelli da trail running che sono ottimi) e occhiali da sole con lenti colorate, in maniera tale da poter vedere il sentiero quando si è in ombra, con tutte le sue asperità;

crema solare - massima protezione - che io consiglio di utilizzare sempre e dappertutto (città, mare, montagna, campagna), si pensi infatti che in città, d'estate, l'indice UV raggiunge anche il livello 9 ("Questi valori si raggiungono soltanto tra le ore 12:00 e 14:30 e in assenza di nuvole"), da usare sia al mattino quando si parte che al pomeriggio quando si rientra;

fazzoletti di carta e un mini kit di primo soccorso (ovviamente dipende dove andate);

carica batteria portatile per il telefonino.

Nessun commento:

Posta un commento