mercoledì 5 ottobre 2011

Una mia seconda lettera a difesa dei ciclisti vituperati

Se RAITRE parla della Strage dei Pedoni (link 1 e 2; "Una strage di cui ci accorgiamo solamente una volta l’anno quando le statistiche si incaricano di mostrare il deficit di sicurezza e l’indifferenza verso i diritti di chi sceglie di camminare a piedi per le vie delle città italiane", proprio come vogliono i tecnocrati, che se ne parli poco cioè per mandare avanti questo sistema marcio), su Mediaset, più precisamente in quel programma farsa di casi stupidissimi chiamato Forum, un certo ex attoruncolo, tale Bracconeri, si permette di affermare che TUTTI i ciclisti siano indisciplinati. A parte che la disciplina la lasciamo benissimo e con tanta felicità a chi vuole annullare il proprio io, in questo caso si dovrebbe parlare di "ciclisti violatori del codice della strada".

Vediamo la mia risposta:

"Caro Bracconeri,
magari il problema fossero i ciclisti! Se è vero che alcuni passano col rosso, magari quando è già buio e sono senza luci, o salgono sui marciapiedi sfrecciando, è anche vero che è la velocità, la massa, la grandezza ed il peso delle automobili e furgoni vari ad essere pericolosa. Sono questi che generano centinaia di migliaia di morti ogni anno nella sola Italia. Pensa in tutto il mondo: uno sterminio!
Gli automobilisti sono drogati dai motori, sono un pericolo costante per la vita di tutti, anche la propria, fattene una ragione e sputa meno sentenze.
Per fortuna abito al Nord dove bene o male posso pedalare senza rischiare troppo, invece ho saputo che Roma è invivibile e forse ciò genera tanta invidia verso chi ha il fisico per pedalare.
Mi dispiace, continua a rosicare e paga la benzina, schiavo!
"

PS: ma cosa ci si può aspettare da un canale che vive grazie agli spot automobilistici???

Nessun commento:

Posta un commento